🎁 10% di Sconto Sul Tuo 1º Ordine! ⏩ CLICCA QUI!

Come evitare i pericoli e le controindicazioni dell'uso di impacchi di ghiaccio?

In caso di traumi, lesioni o urti, è molto sicuro utilizzare impacchi di gel caldo e freddo come complemento terapeutico. Tuttavia, in alcuni casi potrebbe avere un effetto negativo o rappresentare un rischio per le condizioni dell'individuo.

Da qui l'importanza di sapere come evitare i pericoli e le controindicazioni nell'uso degli impacchi di gel caldo e freddo e farne un uso sicuro! Fortunatamente non dovete andare da nessuna parte, in questo post vi raccontiamo tutto.

Per chi è più indicata la terapia del caldo o del freddo e quali effetti ha?

Per chi è più indicata la terapia del calore o del freddo e quali effetti ha?

È molto utile sapere quando è opportuno applicare le terapie del freddo o del caldo e quali effetti hanno in ciascun caso. L'uso di impacchi di gel termale è molto diffuso per trattare dolori, infiammazioni e malattie come l'artrite. L'efficacia di queste terapie contro le malattie e le diverse lesioni ha reso il loro uso sempre più frequente. Tuttavia, la difficoltà sorge quando non si sa se utilizzare il freddo o il caldo, anche se entrambe le temperature possono essere utili per alcuni trattamenti.

Di seguito, in quali situazioni è molto conveniente applicare il freddo o il caldo:

Condizioni post-traumatiche acute

Le terapie con il freddo sono indicate nei traumi ortopedici muscoloscheletrici o post-chirurgici. Aiuta a ridurre il gonfiore, il dolore, gli ematomi, l'ipossia secondaria nei tessuti adiacenti, l'infiltrazione di liquido interstiziale.

Tuttavia, per ottenere un risultato efficace, la crioterapia deve essere combinata con l'elevazione e la compressione dell'area interessata e la compressione. Inoltre, deve essere applicata il prima possibile, considerando il grado di raffreddamento e il tempo di applicazione.

Periodi post-operatori

L'applicazione del freddo 36 ore dopo l'intervento chirurgico aiuta a ridurre il dolore e il gonfiore, migliora la qualità del sonno e i tempi di recupero. È inoltre molto indicato per facilitare la fisioterapia. Soprattutto negli interventi chirurgici associati alle estremità e al maxillo-facciale.

D'altra parte, il calore, sebbene poco analizzato, applicato in modo abituale contribuisce alla riduzione del dolore acuto e cronico, aumentando il comfort del paziente.

Condizioni di spasticità

Grazie alla terapia del freddo, è possibile ridurre temporaneamente l'ipertonia, permettendo al paziente di eseguire alcuni movimenti e attività. L'effetto di mobilità può durare da 60 a 90 minuti.

Traumi

La terapia del freddo è indicata come prima emergenza applicata in caso di trauma per ridurre l'edema attraverso la vasocostrizione. Inoltre, perché rallenta l'attività delle cellule colpite, abbassando la temperatura dell'area e il metabolismo dei tessuti. Il calore, invece, agisce come analgesico e decontrae le aree che hanno subito il colpo. In alcuni casi aiuta ad alleviare il dolore, ma non è indicato in tutti i casi.

Tuttavia, è chiaro che aumenta l'elasticità dei tessuti, soprattutto nella zona muscolare. Il calore favorisce il processo di guarigione se applicato nelle prime 48 ore. Ma, considerando che il rischio di emorragia deve essere passato, ci sarà un aumento del flusso sanguigno.

Spasmi muscolari e crampi

Le terapie del calore contribuiscono a ridurre gli spasmi muscolari e i crampi, la rigidità articolare. Ciò avviene aumentando la distensibilità delle fibre di collagene, il flusso sanguigno e il metabolismo. Grazie a ciò, le terapie del calore sono ideali come complemento all'esercizio riabilitativo per evitare rischi nelle lesioni.

La febbre

La terapia del freddo è indicata per le febbri, purché siano generate da infezioni, cause neurogene o chirurgiche. Riesce ad abbassare la temperatura corporea in modo generalizzato.

Ustioni

In caso di ustioni lievi o superficiali, l'applicazione del freddo aiuta a minimizzare il dolore e la formazione di vesciche, evitando l'estensione dell'area eritematosa. Tuttavia, per ottenere risultati migliori, l'applicazione deve essere tempestiva.

Sollievo dal dolore

Il freddo ha la capacità di agire direttamente sui recettori e sulle fibre che conducono il dolore. Inoltre, indirettamente, riduce il gonfiore doloroso causato dal trauma, compresi gli spasmi muscolari e la spasticità. Anche il calore è indicato per alleviare il dolore grazie alla stimolazione delle endorfine, generando una sensazione di sollievo, aumentando la soglia del dolore. Ha anche un effetto analgesico sulla lombalgia e sui dolori mestruali.

Dermatite atopica

Il prurito genera una sensazione di prurito nel corpo. Di fronte a questo sintomo, il freddo agisce direttamente sui recettori sensoriali. Per questo motivo è indicato nella dermatite atopica e in altre malattie che scatenano questa sintomatologia.

Processi infiammatori

Il fatto che gli enzimi distruttivi siano più attivi alle alte temperature rende il freddo molto efficace contro i processi infiammatori acuti. Alcune patologie in cui è presente questo sintomo sono, tra le altre, la borsite, l'artrite, la tendinite, i reumatismi in fase di insorgenza. Le terapie del freddo contribuiscono ad alleviare i sintomi dell'infiammazione e a ritardare la tossicità e la sua estensione.

Artrite acuta e subacuta

L'osteoartrite è considerata una delle forme più comuni di artrite e colpisce mani, fianchi, spalle e ginocchia. I sintomi più comuni sono il dolore e il gonfiore, per i quali la terapia del calore o del freddo contribuisce a migliorare i sintomi. L'effetto del calore aiuta a migliorare la circolazione e a rilassare i muscoli. Nel frattempo, il freddo intorpidisce l'area del dolore e riduce il gonfiore, bloccando gli impulsi nervosi e contraendo i vasi sanguigni verso l'articolazione.

Artroplastiche e stent

In caso di sostituzione totale del ginocchio e stenting, la terapia del freddo aiuta a ridurre il dolore e la perdita di sangue. Inoltre, contribuisce a migliorare la mobilità dopo l'intervento.

Tendinite

Per una lesione acuta come la tendinite, che causa infiammazione, gonfiore e dolore, l'applicazione del freddo è un'ottima opzione, purché la lesione sia recente. L'applicazione mirata del freddo intorpidisce la zona dolorosa e provoca la contrazione dei vasi sanguigni, riducendo il gonfiore.

Fratture

La crioterapia è indicata dopo una frattura, un infortunio alla caviglia o una distorsione. Il dolore si riduce, così come il consumo di farmaci, in combinazione con una terapia di esercizio fisico che funzionerà molto bene per il recupero del paziente.

Il più venduto

4.77 / 5
5
23
4
3
3
3
2
0
1
0
Franko
– 27/05/2024
Tutto sommato può andare ! Non dura molto col freddo: circa 8 Min. Poi va subito sopra i 10 ' c ...
Lorenzo B.
– 23/04/2024
Fatto molto bene!
simona
– 17/04/2024
Fantastico 😍 Lo uso tantissimo, l'unica cosa è sapere se ci sono anche ghiacci da comprare in più Cmq li consiglio a tutti
SERGIO
– 14/02/2024
Tutto bene ..
Giuseppe
– 24/12/2023
Il punto di forza è la sacca di gel, realizzata con un materiale robusto e resistente. L’ho provata sia con il freddo che con il caldo e si adatta bene a varie articolazioni (ginocchio e spalla. Usata anche come borsa calda per l’addome) Il punto di debolezza è la custodia e la fascia elastica che dopo qualche utilizzo ha iniziato a cedere in qualche cucitura e a dare dei peluche, segno che tra qualche mese sarà molto usurata. Nel complesso per il prezzo a cui viene proposto ha un buon rapporto qualità prezzo
barbara Antonella Gaiani
– 27/11/2023
Prodotto perfetto perché non solo si può utilizzare come ghiaccio, ma si può anche scaldare
Alberto
– 30/10/2023
Ottimo prodotto, si congela in pochissimo tempo. Tramite la sua apposita sacca si riesce a sfruttarlo al meglio.
Angela
– 05/09/2023
Usata per una distorsione della caviglia. La tenuta sulla parte è molto buona,la consiglio!
PASQUALE TOMASCO
– 04/09/2023
pratico da usare su qualsiasi parte del corpo hot/ice teraphy
Giuseppe
– 09/08/2023
Lo sto utilizzando per curare una fastidiosa fascite

In quali tipi di malattie l'applicazione di freddo o calore può essere controindicata?

Sebbene la terapia del caldo e del freddo non sia un trattamento efficace per nessuna malattia, essa rappresenta un complemento terapeutico che aiuta a guarire con successo da una malattia. Pertanto, in caso di dubbio, è necessario sapere quale tipo di malattia può essere controindicata per non aggravare le condizioni del paziente. Vediamo:

Controindicazioni all'applicazione del freddo

Nella sezione che segue vorremmo chiarire quali sono le malattie che presentano controindicazioni all'applicazione del freddo:

  • Ipertensione: Il freddo è controindicato nelle persone ipertese perché metterebbe a rischio la loro salute. I vasi sanguigni potrebbero reagire al brusco cambiamento di temperatura come risposta allo stress generato dal freddo: Soprattutto nelle persone di età superiore ai 65 anni.
  • Rigidità articolare: La riduzione della temperatura aumenta la rigidità delle articolazioni perché influisce sul tessuto collagene.
  • Diminuzione o perdita di sensibilità: Sebbene il freddo abbia un effetto analgesico dovuto alla diminuzione della sensibilità, è controindicato per le persone che soffrono di diminuzione o perdita della sensibilità, perché la diminuirebbe ancora di più.
  • Disfunzioni vegetative: Gli effetti terapeutici previsti potrebbero non essere efficaci, poiché alcune risposte circolatorie dipendono dal sistema nervoso simpatico.
  • Condizioni che si manifestano con vasospasmo: In particolare, chi soffre della malattia di Raynaud. Si tratta di una controindicazione assoluta a causa del restringimento dei vasi sanguigni che l'individuo subisce quando entra in contatto con il freddo.
  • Ipersensibilità al freddo: La terapia del freddo non può essere applicata a chi soffre di questa sensibilità anomala al contatto con le temperature o gli ambienti freddi.
  • Orticaria o allergia al freddo: Questo disturbo della pelle a contatto con il freddo rende la crioterapia controindicata.
  • Tromboangioite obliterante: Almeno il 50% dei pazienti affetti da questa malattia presenta un'aumentata sensibilità al freddo o la malattia di Raynaud.
  • Valutazione della forza muscolare: I pazienti che richiedono questa valutazione non possono essere sottoposti a crioterapia. Potrebbe avere effetti negativi causati da cambiamenti temporanei nel muscolo.
  • Disturbi vascolari periferici: Questo disturbo è associato alla malattia di Raynaud, in cui mani e piedi soffrono di spasmi a contatto con il freddo.
  • Arteriosclerosi: Questa malattia è associata ai disturbi vascolari periferici e, di conseguenza, alla malattia di Raynaud, per cui il contatto con il freddo è controindicato.
  • Ischemia: Il freddo riduce la pressione sanguigna, la frequenza cardiaca e il metabolismo, essendo controproducente in caso di ischemia.
  • Crioglobulinemia: Questa condizione è associata all'artrite reumatoide, alle leucemie, al lupus eritematoso e al mieloma multiplo, in cui il paziente potrebbe subire un'ostruzione dei vasi a contatto con il freddo. Questo, come conseguenza della precipitazione di proteine anomale e crioglobuline nel sangue.
  • Lesioni cutanee: Quando le lesioni cutanee hanno sviluppato effetti infiammatori come conseguenza di malattie croniche, il freddo è controindicato.

Controindicazioni all'applicazione del calore

Vogliamo ora parlare delle controindicazioni all'applicazione del calore per le seguenti patologie:

  • Lesioni: L'applicazione di calore prima delle prime 24 ore dalla lesione è controindicata, poiché potrebbe aumentare il flusso sanguigno e favorire il sanguinamento.
  • Alterazioni della sensibilità: Per chi soffre di queste alterazioni della sensibilità termica e dolorifica, il contatto con il calore è controindicato.
  • Cardiopatie: Il contatto con il calore genera un'alterazione della salute cardiovascolare, che è controindicata nei pazienti con cardiopatie.
  • Persone con diabete: Il calore potrebbe generare disidratazione e di conseguenza un aumento della glicemia. Inoltre, potrebbe generare un'ipoglicemia dovuta all'aumento della velocità di assorbimento dell'insulina. Altre complicazioni includono danni ai vasi sanguigni e ai nervi.
  • Processi infettivi: In presenza di processi infettivi, infiammazioni causate da osteomielite, artrite o disturbi infettivi locali dovuti alla cellulite, il calore non è indicato, poiché contribuisce alla proliferazione di batteri, virus o altri microrganismi.
  • Neoplasie: Il calore può aumentare le dimensioni di tumori e neoplasie maligne/benigne.
  • Glaucoma: Potrebbe scattare un'emergenza oftalmologica con possibile trattamento chirurgico a seguito dell'aumento della pressione oculare dovuto al contatto con il calore.
  • Ipotensione grave: L'abbassamento della pressione sanguigna dovuto al contatto con il calore potrebbe generare una condizione potenzialmente fatale per l'individuo.
  • Emorragia attiva: il calore favorisce l'aumento dell'emorragia ed è quindi controindicato in questa condizione.
  • Insufficienza epatica: Il contatto con il calore potrebbe innescare una diffusione multiorganica, compresa l'insufficienza epatica, generando gravi complicazioni.
  • Infiammazione acuta: L'applicazione di calore a una lesione potrebbe generare un aumento dell'infiammazione e una maggiore pressione sui tessuti.
  • Problemi renali: Prima di applicare il calore è necessaria una valutazione renale per evitare sudorazione, sedazione e rilassamento muscolare che potrebbero aggravare la salute dell'individuo.
  • Disturbi cutanei attivi: Il calore aumenta il rischio di infezioni cutanee, ad esempio da funghi.
  • Collagenopatie attive: La terapia del calore rende le fibre di collagene più estensibili, risultando controproducente quando l'individuo soffre di collagenopatia attiva dovuta a un eccesso di collagene.
  • Anestesia o ipestesia cutanea: il calore provoca un effetto opposto a quello del freddo, riducendo la vasocostrizione locale o l'ipestesia, contribuendo a generare infiammazione ed edema dopo una lesione.

Quali sono i rischi e le precauzioni da prendere prima di utilizzare gli impacchi di gel caldo/freddo?

Quali sono i rischi e le precauzioni da prendere prima di utilizzare gli impacchi di gel caldo/freddo?

Prima di utilizzare gli impacchi di gel caldo e freddo, è importante conoscere i rischi e le precauzioni da prendere in considerazione, e ve li spieghiamo subito:

Pericoli del freddo

Nel seguente elenco vi indichiamo i principali rischi che si corrono quando si applicano gli impacchi di gel freddo:

  • Evitare l'applicazione direttamente sulle ferite. Questa controindicazione è dovuta al fatto che il processo di guarigione della ferita potrebbe essere impedito dal contatto con le basse temperature.
  • Evitare l'applicazione su aree superficiali di formazioni nervose. Soprattutto per un periodo di tempo molto lungo, a causa di possibili problemi neurali come neuroprassia o assonotmesi.
  • Ustioni da ghiaccio. Anche se non sono molto frequenti, è importante tenerne conto. Soprattutto quando si supera il tempo di applicazione suggerito dallo specialista o quando è stata indicata una controindicazione ai rischi in pazienti con disturbi associati a una ridotta sensibilità cutanea.
  • Necrosi grassa e fenomeni di congelamento. Anche la sua comparsa è molto improbabile, ma bisogna tenere conto che è dovuta all'applicazione del freddo in condizioni di rischio di controindicazione e di tempo eccessivo.
  • Avversione al freddo. Chi presenta intolleranza a questo agente termico non può utilizzare le terapie del freddo.
  • Eccessiva esposizione al freddo. Questa condizione aumenta la permeabilità capillare di una percentuale significativa, causando un aumento della viscosità del sangue nei capillari e, di conseguenza, la produzione di masse occlusive.

Pericoli del calore

Anche l'applicazione di calore in un'area mirata o in modo generale deve essere effettuata con rigorose precauzioni per evitare rischi. Alcuni di questi sono:

  • Ustioni. Quando si riscalda la busta di gel freddo in condizioni di umidità, bisogna tenere conto che l'aumento di temperatura non può essere controllato e quindi il contatto con la pelle potrebbe generare ustioni locali. La nostra raccomandazione è di non superare i 58º e, se sono stati superati, di lasciarli raffreddare e riscaldarli di nuovo.
  • In caso di infiammazione. Esiste una controindicazione all'applicazione del calore quando la zona lesa è rossa, infiammata o calda. In questo caso, è meglio applicare il freddo.
  • In caso dicontusioni muscolari e articolari. Il calore deve essere applicato solo quando la fase acuta è stata superata, cioè dopo 48-72 ore. Inizialmente si consiglia di applicare il freddo.

F.A.Q: Domande frequenti

Nella prossima sezione risponderemo alle domande più frequenti poste dagli utenti su Internet sull'uso corretto degli impacchi di gel caldo e freddo:

Come smaltire correttamente il prodotto?

Una volta utilizzato l'impacco di gel caldo e freddo, è possibile smaltirlo in un normale contenitore per rifiuti. Tuttavia, nel rispetto dell'ambiente, è possibile smaltirlo nel contenitore giallo.

Con quale materiale sono riempite le confezioni di gel caldo/freddo?

L'interno delle confezioni di gel caldo/freddo è costituito da MgSO4, un materiale che risulta dalla combinazione di solfato di magnesio, cloruro di calcio e acqua.

Possono essere tossici per la nostra pelle o se ingeriamo l'interno?

Gli impacchi di gel freddo/caldo sono molto sicuri da usare sulla nostra pelle. Tuttavia, all'interno c'è un materiale che è il risultato di un processo chimico che potrebbe essere pericoloso per la nostra salute, quindi dobbiamo usarlo nel modo giusto per evitare rischi.

Può causare ustioni sulla pelle?

L'uso di impacchi di gel caldo/freddo è molto sicuro. Tuttavia, quando si riscalda in modo umido, la temperatura potrebbe essere superata, poiché non c'è un limite. Il lato positivo è che il calore si dissipa rapidamente. Per quanto riguarda l'uso a freddo, è necessario rispettare i tempi indicati dallo specialista per evitare danni alla pelle dovuti a scottature.

Elemento aggiunto al carrello.
0 items - 0,00