🎁 10% di Sconto Sul Tuo 1º Ordine! ⏩ CLICCA QUI!

Quando e come applicare un impacco di ghiaccio per ridurre l'infiammazione?

Gli impacchi di gel caldo o freddo sono un'ottima soluzione per ridurre l'infiammazione dovuta a dolori muscolari o lesioni. Fin dall'antichità il caldo e il freddo sono stati utilizzati per migliorare il disagio delle infiammazioni muscolari.

Tuttavia, quando e come applicare un impacco di gel caldo o freddo per ridurre l'infiammazione? Se non sapete come usarli correttamente per ridurre l'infiammazione e il dolore, date un'occhiata a questo post in cui vi spieghiamo tutto!

In quale momento di un infortunio è meglio applicare il freddo, il caldo o la terapia di contrasto?

In quale momento di una lesione è meglio applicare il freddo, il caldo o la terapia di contrasto?

Gli impacchi di gel caldo o freddo fanno parte di una terapia per ridurre l'infiammazione in qualsiasi parte del corpo. Come abbiamo già detto, entrambe le temperature aiutano a migliorare i sintomi dell'infiammazione nelle lesioni o nei dolori muscolari.

Esistono lesioni acute e croniche, quindi a seconda del tipo di lesione dipenderà l'uso del freddo, del caldo o di un contrasto di entrambi. Pertanto, prima di utilizzare una di queste temperature è necessario conoscere il loro meccanismo d'azione nell'organismo.

Per dissipare le vostre preoccupazioni, vi spiegheremo il momento ideale per applicare gli impacchi di gel freddo o caldo:

Quando è meglio applicare il freddo?

Gli impacchi freddi sono indicati per le lesioni muscolo-scheletriche acute dovute a colpi, distorsioni o strappi muscolari. È estremamente importante che vengano applicati nelle prime 48 ore dopo l'infortunio. Il freddo ha un meccanismo d'azione antinfiammatorio, perché contribuisce a ridurre il dolore e ad aumentare il volume della zona interessata.

L'applicazione del freddo subito dopo la lesione ha un effetto di vasocostrizione e di conseguenza una diminuzione del flusso sanguigno. Ciò provoca nella zona colpita un maggior controllo dell'infiammazione, un minor danno ai tessuti adiacenti e un notevole miglioramento del dolore. Per questo motivo, quando si verifica una lesione in cui viene applicato immediatamente il freddo, non si verificano ematomi.

Inoltre, può essere utilizzato nelle seguenti situazioni:

  • Ustioni minori: Le prime 48 ore di un'ustione di primo grado sono fondamentali per evitare la comparsa di complicazioni cutanee. Il freddo è un potente vasocostrittore che migliora il dolore, il danno tissutale, la formazione di edemi e previene la formazione di vesciche.
  • Emicranie e mal di testa: Le temperature fredde sono molto utili per diminuire l'intensità del dolore perché hanno un'azione analgesica.
  • Dolori muscolari da allenamento intenso: Il freddo provoca un effetto di rilassamento delle fibre muscolari ed è quindi ideale per migliorare il dolore e la flessibilità.
  • Arrossamento della pelle: Applicando il freddo su una zona arrossata della pelle, si genera un migliore ritorno venoso e linfatico che migliora l'aspetto della pelle.
  • Colpi, traumi o distorsioni: Qualsiasi lesione muscolo-scheletrica provoca sempre un danno a livello delle fibre muscolari e di conseguenza infiammazioni e dolori. L'applicazione del freddo genera due effetti benefici, il rilassamento delle fibre muscolari e la vasocostrizione per evitare edema e infiammazione.

Quando è meglio applicare il calore?

Il calore è un ottimo controllore degli spasmi muscolari ed è ideale per le infiammazioni muscolo-scheletriche non traumatiche. È quindi molto efficace per le lesioni che causano infiammazione e dolore cronico.

L'applicazione del calore alle condizioni a livello di muscoli e legamenti aiuta a ripristinare l'elasticità e la flessibilità. Le alte temperature del calore inducono una vasodilatazione che genera un maggiore flusso sanguigno. In questo modo, si ha una maggiore distribuzione di nutrienti e ossigeno ai tessuti danneggiati.

Per questo motivo è il trattamento non farmacologico ideale per ripristinare la mobilità della zona interessata. È ampiamente utilizzato nei casi di:

  • Malattie croniche come l'artrite e l'artrosi del ginocchio: Queste patologie generano un'infiammazione delle articolazioni che produce molto dolore e limitazione dei movimenti. Le terapie del calore sono molto utili per migliorare la pressione sulle articolazioni e quindi il dolore.
  • Dolori lombari, tensioni e dolori muscolari: Gli impacchi di calore alleviano notevolmente la sensibilità e il dolore continuo. Il calore migliora il flusso sanguigno nei tessuti e quindi l'ossigenazione e il nutrimento della zona interessata.
  • Miglioramento della flessibilità e della mobilità: In caso di rigidità e tensione di legamenti e tendini, il calore favorisce un migliore rilassamento. Anche se il freddo contribuisce a migliorare notevolmente, l'effetto del calore è di solito più duraturo. È utile in caso di piedi stanchi, sciatica, rigidità del collo, spasmi cervicali e dorsali, lombalgia e dolore cervicale.

Quando è meglio alternare caldo e freddo?

Anche se le temperature calde e fredde hanno i loro grandi benefici per la salute, alternarle può essere molto utile. Questa terapia di contrasto tra caldo e freddo produce una vasocostrizione e una vasodilatazione che stimola la circolazione sanguigna.

L'aumento del flusso sanguigno provoca una depurazione dei tessuti interessati, con conseguente diminuzione dell'infiammazione, della rigidità e del dolore. Questo tipo di trattamento non farmacologico viene utilizzato quando la lesione è cronica e il freddo o il calore non hanno funzionato individualmente.

Pertanto, sono molto utili nella riabilitazione di lesioni sportive, problemi circolatori, dolori lombari e cervicali. Inoltre, è un trattamento con meno effetti collaterali, molto accessibile e molto più economico.

Il più venduto

4.71 / 5
5
32
4
4
3
1
2
0
1
0
Andrea B.
– 21/12/2023
Ottimo prodotto
bernadette
– 31/10/2023
Ghiaccio in una ginocchiera, così non sei obbligato all'immobilità che ti dà il solo appoggio di una borsa di ghiaccio sul ginocchio
Cliente Amazon
– 26/09/2023
articolo rispondente alla descrizione. Lo uso sul ginocchio ed è perfetto per tenuta sulla gamba e durata
nuvola.speedy
– 09/08/2023
Comoda e leggera, sostituisce alla perfezione la classica sacca di ghiaccio, senza l'incubo di dover preparare i cubetti. Il gel all'interno si sfila e si mette in freezer, rinfrescandosi in pochissimo tempo
Serena
– 31/07/2023
Prodotto conforme alla descrizione. Mantiene il freddo per almeno una ventina di minuti. Cucito bene e dotato di 2 tasche più zainetto che mantiene il fresco se necessario trasportarlo. Consigliato
Fabiobat
– 16/05/2023
Ghiaccio gel di notevoli dimensioni, accompagnato da un set composto non solo da una prima fodera che lo racchiude ma anche da una praticissima borsa con benda elastica ed anche , come regalo, da un sempre utile sacchetto isolante per mantenere il prodotto ben freddo durante il trasporto. Consigliatissimo!
Anna filace
– 15/05/2023
Si ottimo positivo
Cliente Amazon
– 05/05/2023
Provato per mio figlio è stato molto bello
cristina
– 20/04/2023
pratico, garantisce stabilita', robusto
Sabina
– 27/03/2023
Sacchetto del ghiaccio non dura molto dopo 1/4 d’ora l’effetto ghiaccio è quasi esaurito

Come si eseguono correttamente le terapie del caldo e del freddo per recuperare e ridurre l'infiammazione?

Come si eseguono correttamente le terapie del caldo e del freddo per recuperare e ridurre l'infiammazione?

Come in ogni trattamento, anche nelle terapie del caldo e del freddo è necessario seguire dei protocolli per ottenere il miglioramento delle lesioni:

Protocollo per l'applicazione del freddo o della crioterapia

È necessario seguire una serie di passaggi con gli impacchi di gel caldo o freddo. Di seguito vi spieghiamo cosa fare:

  1. Raffreddamento del tampone: L'impacco di gel deve essere messo in freezer in anticipo. Il tempo consigliato è di circa 2 ore per raggiungere la temperatura ottimale.
  2. Utilizzare nelle prime 48-72 ore: È importante applicarlo sulla zona interessata per le prime 48-72 ore dopo l'infortunio. Si dovrebbero fare intervalli di 10 minuti ogni ora, ma il tempo dipenderà dalle raccomandazioni dello specialista.
  3. Continuare dopo 72 ore: Dopo che il gonfiore e l'edema sono diminuiti, si raccomanda di continuare con la crioterapia. L'obiettivo è quello di migliorare il rilassamento dei muscoli, dei tendini e dei legamenti interessati, garantendo flessibilità e mobilità.
  4. Tenere conto della gravità della lesione: È necessario tenere presente che quanto maggiore è il danno, tanto più lunga deve essere l'esposizione alla terapia del freddo.
  5. Non applicare direttamente sulla pelle: Il freddo diretto sulla pelle può causare ustioni e quindi altre conseguenze. Si dovrebbe sempre considerare di mettere un panno o di avvolgerla in una copertina.
  6. Intervallo di riposo: L'intervallo di riposo dipende dal riposo del paziente. Quando il paziente è a riposo, può essere di 2 ore, ma se non lo è, dovrebbe essere ridotto a 1 ora.

Protocollo per l'applicazione della termoterapia o terapia del calore

Anche l'uso di borse riempite di gel caldo è un'opzione eccellente per migliorare i sintomi del dolore e dell'infiammazione. Seguite i passaggi indicati di seguito per godere dei loro benefici:

  1. Riscaldare l'impacco: Ci sono diverse opzioni per riscaldare l'impacco: può essere nel microonde o a bagnomaria. Il tempo di esposizione al calore dipende dalle indicazioni del produttore, circa 30 secondi nel microonde.
  2. Proteggere la pelle: Prima di posizionare l'impacco è importante proteggere la pelle con un panno o avvolgerla in una copertina. Questo per evitare ustioni sulla pelle nella zona interessata.
  3. Applicare sulla zona della lesione: Il cuscinetto deve essere applicato sulla zona interessata a intervalli di 10-20 minuti, lasciandolo riposare per 1 ora. Con questo tempo di esposizione, la penetrazione del calore nei tessuti più profondi è garantita.
  4. Evitare nelle prime 48-72 ore: Il calore non è mai consigliato nelle prime ore dopo la lesione perché produce una maggiore infiammazione.
  5. Non applicare su lesioni cutanee aperte: Il calore deve essere sempre evitato su ferite aperte, ustioni o problemi di circolazione.
  6. Estrema cautela nei pazienti cardiovascolari: È necessario prestare estrema cautela nei pazienti in trattamento con anticoagulanti o affetti da patologie cardiache.

Come si usano gli impacchi di gel caldo o freddo per ridurre l'infiammazione?

Le borse di gel per il freddo o il caldo devono essere utilizzate correttamente per garantire l'effetto desiderato. Il processo di raffreddamento o riscaldamento è molto semplice, ma se non avete idea di come farlo prestate attenzione a questi passaggi:

Utilizzare a freddo

Seguire le raccomandazioni riportate di seguito per l'utilizzo degli impacchi di gel freddo:

  • Posizionare nel congelatore o nel frigorifero: Gli impacchi di gel devono essere posti nel congelatore o nel frigorifero per almeno 2 ore per garantire risultati ottimali.
  • Testare la temperatura: La temperatura deve essere testata manualmente per vedere se è adatta al tatto. In caso contrario, è necessario lasciarlo nel congelatore più a lungo.
  • Aspettare se è troppo freddo: se è troppo freddo, è meglio aspettare qualche minuto fuori dal freezer prima di usarlo.
  • Applicare direttamente sulla zona interessata: I nostri impacchi di gel possono essere applicati direttamente sulla zona interessata. Non necessitano di una copertura o di un panno per l'applicazione, alcuni modelli hanno addirittura un tessuto morbido su un lato. Tuttavia, altre marche di impacchi di gel richiedono una protezione con un panno per la pelle.
  • Non superare il tempo di esposizione: Questa terapia è particolarmente indicata per tempi di esposizione non superiori a 30 minuti. In nessun caso questo tempo deve essere prolungato per evitare danni o ustioni alla pelle.
  • Elevare sempre: La crioterapia deve sempre essere combinata con l'elevazione dell'area interessata per migliorare l'infiammazione e l'edema.
  • Raffreddare nuovamente: Al termine del tempo di esposizione, il cuscinetto di gel deve essere rimesso nel congelatore per essere riutilizzato.
  • Monitoraggio della pelle dell'area: È necessario valutare ogni 5 minuti la pelle dell'area interessata per evitare qualsiasi danno. In caso di scolorimento o arrossamento, l'uso deve essere immediatamente sospeso.
  • Ripetere più volte al giorno: Un buon trattamento di crioterapia deve prevedere diversi cicli di esposizione durante il giorno, non è sufficiente applicarlo una sola volta. Questo garantisce buoni risultati per il gonfiore e il dolore. Ricordate sempre che qualsiasi trattamento di crioterapia deve essere supervisionato da uno specialista.

Uso del caldo

Se si richiede l'uso della termoterapia, è importante sapere che i nostri impacchi non sono consigliati per l'uso a caldo. Tuttavia, è possibile riscaldarli facilmente utilizzando un forno a microonde.

Per questo processo seguire le seguenti raccomandazioni:

  • Riscaldare il tampone: Utilizzare un microonde e impostarlo a 800 W per 30 secondi. Se non è possibile farlo con questa potenza, riscaldarlo poco alla volta fino a raggiungere la temperatura giusta.
  • Controllare la temperatura: Trascorso il tempo necessario, togliere il cuscinetto dal microonde e controllare se è caldo.
  • Massaggiare il gel: È necessario che tutto il gel contenuto nell'impacco venga riscaldato in modo omogeneo. È quindi importante che venga massaggiato e che ci sia una migliore distribuzione del calore. Se non è completamente caldo, lasciarlo raffreddare e riscaldarlo di nuovo.
  • Riscaldare di nuovo: Se non si trova la temperatura corretta, è possibile riscaldare nuovamente per 10 secondi.
  • Temperatura superata: Nel caso in cui la temperatura dell'impacco di gel sia eccessiva, è necessario lasciarlo fuori dal microonde. Inoltre, è necessario attendere che si raffreddi a temperatura ambiente prima di iniziare il processo di riscaldamento.
  • Non riscaldare mai i gel congelati: Gli impacchi di gel devono sempre essere riscaldati a temperatura ambiente, mai se sono congelati.
  • Sorvegliare il riscaldamento: Se si osserva una dilatazione del cuscinetto, interrompere immediatamente il processo di riscaldamento. Di solito si verificano quando c'è un eccesso di temperatura. Aspettate che si raffreddi prima di riscaldarlo.
  • Non sedersi o appoggiarsi mai sull'impacco: Ricordate che gli impacchi di gel sono fatti di un materiale che non sopporta la pressione eccessiva. Se qualcuno si appoggia o si siede sull'impacco, il gel potrebbe rompersi o fuoriuscire. In tal caso, attendere che si raffreddi prima di gettarlo via.
  • Non riscaldare in forno: I nostri impacchi di gel non sono preparati per essere riscaldati in forno, poiché potrebbero subire danni alla loro struttura.

Se non avete un forno a microonde in casa, potete utilizzare questo metodo alternativo seguendo questi semplici passaggi:

  • Riscaldare l'acqua: Portare a ebollizione 3,5 litri d'acqua sul fornello.
  • Immergere il tampone: Togliere l'acqua bollita dal fornello e immergere l'impacco di gel per circa 5-7 minuti. Non immergere mai l'impacco nell'acqua mentre questa bolle sul fornello.
  • Togliere dall'acqua: Utilizzare una pinzetta smussata per evitare di danneggiare la confezione. Asciugare quindi l'impacco di gel con un asciugamano o un panno.
  • Controllare che non ci siano rotture: Controllare che non ci siano perdite di gel e, se ci sono, smaltirle immediatamente.
  • Controllare la temperatura al tatto: Usare le mani per assicurarsi che la temperatura sia quella giusta. Se è molto caldo, aspettate qualche minuto prima di metterlo sulla zona interessata.
  • Utilizzare una copertura: Quando si posiziona sulla zona interessata, mettere l'impacco di gel in una copertina o avvolgerlo in un panno.
Elemento aggiunto al carrello.
0 items - 0,00