🎁 10% di Sconto Sul Tuo 1º Ordine! ⏩ CLICCA QUI!

Come si usano gli impacchi di ghiaccio per alleviare il dolore delle emorroidi gonfie?

Il dolore causato dalle emorroidi gonfie è molto comune nella maggior parte delle persone. Di solito non è un problema di salute grave, ma provoca molto disagio e dolore. Poiché raramente vengono diagnosticate e trattate, tendono a progredire e a crescere di dimensioni.

Sebbene esistano molte opzioni di trattamento per migliorarle, di solito rispondono molto bene alle terapie con impacchi di gel freddo. Se desiderate saperne di più su queste terapie per alleviare il dolore delle emorroidi gonfie, leggete le seguenti informazioni.

Quali sono le cause e l'origine del dolore da emorroidi infiammate?

Quali sono le cause e l'origine del dolore emorroidario infiammato?

Le emorroidi sono un gruppo di vene che fanno parte della circolazione nella zona del retto e dell'ano. L'infiammazione di queste vene dà origine alla malattia emorroidaria e sono comunemente chiamate "pali".

La malattia emorroidaria è caratterizzata da congestione, infiammazione, spostamento e prolasso di queste vene verso l'esterno dell'ano. È una patologia molto comune e, sebbene non sia un disturbo grave, genera molto disagio e dolore. Tende a colpire uomini e donne con la stessa frequenza tra i 40 e i 60 anni. Tuttavia, nelle donne incinte il tasso di insorgenza aumenta a causa della cattiva circolazione che caratterizza la gravidanza.

Le manifestazioni cliniche più frequenti sono di solito:

  • fastidio e dolore: È il sintomo caratteristico delle emorroidi, che si presenta come un dolore acuto nel canale rettale e anale. Si verifica soprattutto durante o dopo i movimenti intestinali. In caso di infiammazione grave, il dolore può manifestarsi in qualsiasi momento e persistere nel tempo.
  • Prurito anale: questo è un altro dei sintomi solitamente riferiti dalle persone che ne soffrono. Di solito viene confuso con la parassitosi intestinale, ma si distingue per il fatto che può comparire in qualsiasi momento della giornata. Alcune parassitosi che causano prurito anale, tuttavia, provocano il fastidio durante la notte.
  • Sanguinamento dall'ano o rettorragia: Il sanguinamento è uno dei sintomi che spesso destano preoccupazione. Può essere visibile sulla carta durante la pulizia o molto più abbondante sotto forma di gocce nella toilette.
  • Emorroidi prolassate o prolassanti: Si presentano come un nodulo doloroso intorno all'ano. Hanno un elevato contenuto di sangue e se non vengono ridotte in tempo possono produrre trombi.

Se non si interviene con un trattamento adeguato per le emorroidi infiammate, si possono generare altre patologie come:

  • Anemia: È il risultato di un sanguinamento costante ed eccessivo per un lungo periodo di tempo.
  • Infezioni: Come è noto, la zona dell'anno e il retto presentano una flora batterica. Se si verifica una rottura delle emorroidi, i batteri possono entrare e generare infezioni.
  • Fistole anali: possono generarsi in seguito a un'infezione in quell'area, creando un'apertura dall'interno verso l'esterno.

Le emorroidi o pali infiammati sono solitamente classificati come interni ed esterni. Le emorroidi interne sono quelle che si formano nelle vene all'interno dell'ano. Sono le più comuni e si trovano a 2-4 cm sopra l'ano.

Possono infiammarsi, sanguinare, far male dopo i movimenti intestinali e prolassare. Le emorroidi esterne si generano intorno all'ano e di solito accompagnano le emorroidi interne e possono generare emorroidi trombizzate.

In base alla loro gravità possono essere classificate in quattro gradi:

  • Grado I: in questa fase della malattia le emorroidi possono infiammarsi leggermente all'interno. Non sono visibili all'esame.
  • Grado II: il grado di infiammazione è maggiore, ma le emorroidi sono ancora interne. A volte possono uscire all'esterno, ma rientrano spontaneamente.
  • Grado III: sono le emorroidi che prolassano, soprattutto con i movimenti intestinali. In questo caso devono essere reinserite e di solito è molto facile farlo.
  • Grado IV: in questa fase le emorroidi prolassano a tal punto da rimanere fuori dall'ano. Di solito si tratta di emorroidi molto grandi e dolorose.

La causa principale delle emorroidi è l'aumento della pressione nell'ano e nella parte terminale del retto. Questo aumento di pressione genera una dilatazione che le fa gonfiare e sporgere verso il basso e verso l'esterno. Tra le cause più frequenti vi sono

  • Eccessivo sforzo durante la defecazione: I ripetuti sforzi durante la defecazione possono creare una pressione a livello dell'ano che favorisce la comparsa di emorroidi infiammate.
  • Stitichezza cronica: Soffrire di stitichezza cronica può condizionare la comparsa di pali. Essi sono generati dalla pressione interna prodotta dal bolo fecale indurito e dall'eccessivo sforzo durante la defecazione. Questo sforzo aumenta la probabilità di infiammare le emorroidi.
  • Diarrea cronica: L'aumento delle feci può causare una maggiore pressione nella regione anale e irritare le emorroidi.
  • Stare in piedi o seduti per lunghi periodi di tempo: Posture inadeguate da seduti o in piedi per lunghi periodi di tempo predispongono a un lento ritorno venoso. Questo genera una cattiva circolazione nelle vene periferiche e nella regione ano-rettale.
  • Gravidanza: Il peso del feto genera una maggiore pressione nelle vene intra-addominali e pelviche che favorisce la comparsa di emorroidi infiammate. Anche la pressione eccessiva del parto ne provoca l'infiammazione.
  • Sollevamento di pesi elevati: Lo svolgimento di attività che comportano il sollevamento di molti pesi condiziona una maggiore pressione nella zona rettale e la comparsa di emorroidi infiammate.

Il più venduto

4.71 / 5
5
2
4
0
3
0
2
0
1
0
Elettrik
– 29/01/2022
Impossibile caricare il contenuto multimediale.  Quando si fa sport l'aspetto rilassante e decongestionante dei muscoli è importante, sia a livello agonistico che dilettantistico è necessario dopo gli allenamenti cercare di allungare i muscoli mediante lo stretching e nei casi di allenamenti intensivi o dopo una semplice partitella può diventare opportuno l'uso del freddo per evitare piccoli dolori. Questo prodotto serve a fare impacchi freddi, misura cm. 60 x 38, fatto in nylon resistente anche alle basse temperature si presenta in una forma piatta. All'interno si trova un gel che una volta congelato resta ghiacciato per oltre 25 minuti, il sistema brevettato consente comunque la flessibilità della borsa facendola aderire bene alla conformazione di gambe, schiena e addome. L'ho testato dopo un'audace partita a calcetto, essendo da molto tempo che non giocavo ero sicuro che finita la partita tra colleghi, avrei avuto qualche piccolo crampo o addirittura qualche infiammazione. Arrivato a casa come prevenzione ho messo subito la borsa ghiacciata per circa 8 minuti sui polpacci, separandola dal contatto diretto con un'asciugamano, ebbene nella nottata non ho avuto nessun crampo. Prodotto eccellente.
Artyss
– 02/01/2022
Si tratta di un sistema per impacchi che per funzionalità e fattura HA SODDISFATTO LE MIE ASPETTATIVE. IN CONFEZIONE TROVIAMO il contenitore del gel ed un sacchetto involucro utile a contenerlo anche se è possibile all’occorrenza posizionare solo il primo sulla parte dolorante magari su una fruit onde evitare il contatto diretto sulla pelle. L’IMPACCO PUÒ ESSERE FATTO CALDO O FREDDO: Nel primo caso (IMPACCO A CALDO) la sacca contenente il gel andrà posizionata nel forno a micro onde per 10 secondi per poi metterla sulla parte dolorante ripetendo il ciclo per alcune volte. Nel secondo caso (IMPACCO A FREDDO) la sacca contenente il gel andrà posizionata nel congelatore per almeno 2 ore per poi metterla sulla parte dolorante ripetendo il ciclo per alcune volte. IO HO SFRUTTATO QUESTA SECONDA POSSIBILITÀ per alleviare i dolori soprattutto notturni dell’amorevole fuoco di Sant’Antonio che mi perseguita da 20 giorni e questo prodotto mi ha aiutato. IL SUO PUNTO DI FORZA (rispetto alle buste gel classiche che abbiamo tutti in congelatore) è la dimensione più allungata di 60cm che mi ha permesso di refrigerare tutta la fascia dall’ombelico fino al retro schiena coprendo in abbondanza tutta l’area che corre lungo il nervo infiammato. IL RAPPORTO QUALITA’ PREZZO per me è congruo.

Quali sono i vantaggi dell'applicazione del freddo per ridurre il dolore delle emorroidi gonfie?

Quali sono i vantaggi dell'applicazione del freddo per ridurre il dolore delle emorroidi gonfie?

In sostanza, le emorroidi sono vene dilatate, gonfie e molto dolorose. Per contrastarle è quindi necessario il freddo, che produce effetti controfisiologici molto benefici.

La crioterapia è un trattamento molto semplice. Consiste nell'applicare il freddo sulla zona delle emorroidi per alleviare il dolore e l'infiammazione. È uno dei metodi meno invasivi, a differenza degli interventi chirurgici che generano maggiori disagi e complicazioni.

Tra i benefici dell'applicazione del freddo all'area dell'ano, possiamo evidenziare:

  • Vasocostrizione e riduzione dell'infiammazione: La vasocostrizione causata dal freddo genera una riduzione del flusso sanguigno nella zona dell'ano. Di conseguenza, si genera una perdita di calore nella pelle e nei tessuti profondi. Ne consegue un miglioramento dell'infiammazione e dell'edema.
  • Riduzione del dolore e del prurito: l'applicazione del freddo alla regione dell'ano genera un rilascio di mediatori chimici. Uno di questi è l'istamina, che contribuisce a una significativa riduzione del dolore e del prurito. Inoltre, il freddo interrompe il ciclo dolore-spasmo-dolore producendo un rilassamento dei muscoli e dei tessuti adiacenti.
  • Riduzione delle dimensioni dei pali: La vasocostrizione generata dal freddo riduce notevolmente le dimensioni delle emorroidi.
  • Procedura semplice, pratica ed economica: L'applicazione del freddo è uno dei metodi più semplici. Si può applicare comodamente da casa e, se applicata correttamente, non genera effetti collaterali. Inoltre, non è invasivo e non richiede trattamenti costosi.

Come usare gli impacchi di gel freddo per ridurre il gonfiore delle emorroidi?

L'applicazione della crioterapia può avvenire mediante impacchi di gel freddo, impacchi, bagni di vapore e impacchi di gel freddo. Gli impacchi si fanno inumidendo un panno o un asciugamano e mettendoli in frigorifero o nel congelatore. Quando è freddo, viene estratto dall'impacco e collocato su una sedia in modo che le persone possano sedersi su di esso.

I bagni Sitz possono essere eseguiti mettendo dell'acqua fredda in un contenitore su cui la persona può sedersi per alcuni minuti. All'acqua si può aggiungere del ghiaccio per mantenere la temperatura fredda per 15 minuti. Inoltre, si possono utilizzare impacchi di gel freddo per le emorroidi. Vengono raffreddati nel freezer o nel frigorifero e posizionati sul retro della biancheria intima. In questo modo si ha un maggiore contatto con la zona rettale e anale.

Tuttavia, dobbiamo precisare che i nostri impacchi di gel non sono progettati per essere appoggiati. Per questo motivo, è necessario seguire queste raccomandazioni per poterne fare un uso corretto e soddisfacente:

  1. Raffreddare gli impacchi di gel: Devono essere messi in freezer o in frigorifero per un minimo di 2 ore. Dopo questo periodo è necessario verificare la corretta temperatura al tatto.
  2. Posizionare l'impacco sulla zona interessata: Poiché i nostri impacchi non consentono di sedersi, la persona può sdraiarsi a pancia in giù e posizionarlo nella regione glutea. I nostri impacchi non richiedono l'uso di coperture o panni protettivi, ma possono essere utilizzati direttamente sulla zona interessata. Questo grazie al tessuto protettivo e morbido su un lato.
  3. Tempi di esposizione: Gli impacchi di gel possono essere applicati per un periodo di 15-20 minuti ogni 1-2 ore. La terapia può essere eseguita per 72 ore per aiutare a ridurre i sintomi dell'infiammazione. Ricordare sempre di non superare i tempi di esposizione perché possono generare ustioni e altre complicazioni cutanee.
  4. Monitoraggio delle condizioni della pelle: Durante il tempo di esposizione ricordate di vigilare sulle condizioni della pelle. Se si nota un cambiamento nel colore della pelle, rimuoverlo immediatamente.
  5. Raffreddare nuovamente l'impacco di gel: Al termine della terapia del freddo con l'impacco di gel, rimetterlo nel congelatore o nel frigorifero. È importante che l'impacco di gel recuperi la sua temperatura per il nuovo tempo di esposizione.
Elemento aggiunto al carrello.
0 items - 0,00