🎁 10% di Sconto Sul Tuo 1º Ordine! ⏩ CLICCA QUI!

Guida all'acquisto: Come scegliere le migliori calze e calzini a compressione per il ciclismo? Elenco 2024

Uno degli sport più popolari al mondo è il ciclismo. Può essere praticato su diversi tipi di terreno ed è caratterizzato da numerosi benefici per la salute: ottimizza il tono muscolare, migliora le articolazioni, aumenta il calcio nelle ossa, aumenta la capacità polmonare, ecc.

Tuttavia, i ciclisti non sono esenti da infortuni durante la loro vita sportiva. Soprattutto se non utilizzano il giusto equipaggiamento protettivo. Per questo motivo, illustreremo nel dettaglio le patologie più comuni causate dal ciclismo e sottolineeremo l'importanza dell'uso di calze compressive per questo sport.

Quali sono le lesioni più comuni del ciclismo?

Per sua natura, il ciclismo richiede agli atleti di mantenere una pedalata costante per diverse ore consecutive in cui, oltre a richiedere la sufficienza da parte delle gambe, deve essere coinvolto anche un incessante susseguirsi di flessioni ed estensioni delle articolazioni di caviglia, ginocchio e anca.

Inoltre, la stabilità della parte bassa della schiena, del tronco e della regione addominale, nonché i corretti movimenti del collo in estensione e le relative azioni di ammortizzazione del braccio e del polso. In altre parole, richiede una serie di strutture corporee per mostrare le migliori prestazioni.

Di conseguenza, poiché il ciclismo interviene nella maggior parte delle parti del corpo, può generare diverse lesioni a causa della ripetitività di tutti i gesti associati alla pedalata. Allo stesso modo, dalle posture che l'atleta adotta sulla bicicletta, dalla superficie su cui si esercita (montagna o asfalto) e dalla velocità con cui percorre la distanza obiettivo.

Senza ulteriori indugi, ecco le patologie più comuni che compromettono il benessere del ciclista e causano frustrazione:

Tendinite rotulea

Si tratta di un tipo di lesione del tendine che collega la rotula alla tibia. Si tratta del cosiddetto "tendine rotuleo", che lavora con i muscoli della parte anteriore della coscia per estendere il ginocchio. La patologia è solitamente causata da una pedalata pesante, da un'errata impostazione della sella, da improvvisi cambi di ritmo e da una pedalata con marce alte su lunghe distanze.

Di conseguenza, provoca un forte dolore e un'infiammazione del tendine rotuleo, oltre a un notevole sovraccarico della zona del ginocchio. Ciò impedisce all'atleta di eseguire movimenti come la pedalata o la salita di gradini, ad esempio. Per trattare questa lesione, vengono prescritti farmaci ed esercizi di fisioterapia, stretching e metodi di cura per ripristinare la funzionalità del tendine.

Condromalacia della rotula

È una delle lesioni più comuni tra i ciclisti ed è una condizione che coinvolge la cartilagine sotto la rotula (che funge da ammortizzatore naturale). In questo sport, la condromalacia della rotula è spesso causata dalla pedalata per lunghe distanze o a cadenze molto basse, nonché dal mantenimento di un'altezza del sellino bassa, che esercita una maggiore pressione tra il femore e il ginocchio.

Per quanto riguarda i sintomi principali di questa patologia, essa provoca un dolore intenso nella parte anteriore del ginocchio, difficoltà a estenderlo completamente e una sensazione di rigidità nella zona. Per questo motivo, se il paziente va in bicicletta, scende le scale o esegue degli squat, il dolore può aumentare in modo acuto.

Tendinite del tendine d'Achille

Si tratta di una lacerazione del tendine di Achille, che collega l'osso del tallone al muscolo del polpaccio. Tra i suoi segni e sintomi più comuni, inizia con un dolore latente nella parte posteriore della gamba o nella parte superiore della caviglia che , durante il ciclismo, diventa esponenzialmente più acuto. Provoca inoltre rigidità nella zona della caviglia e disagio quando si cammina, si salta o si salgono le scale.

Ora, per quanto riguarda le cause, questo tipo di lesione è per lo più innescata da uno sforzo eccessivo del tendine, cioè quando l'atleta rimane per molte ore in sella alla sua bicicletta e tutto il suo allenamento si svolge in quel modo. Inoltre, altri fattori come un sellino troppo alto, una cattiva posizione del piede sul pedale o una regolazione errata dei tacchetti della scarpa, tendono a provocare la tendinite del tendine d'Achille.

Dolore alla schiena

Anche i disturbi alla zona lombare del corpo sono il risultato di un'attività ciclistica scorretta. In genere vengono diagnosticati come causa di forti dolori nella parte bassa della schiena, o nella cosiddetta "zona lombare". Nella maggior parte dei casi, la lombalgia nei ciclisti è causata dalla posizione molto alta della sella, che provoca un'iperestensione della regione lombare.

Inoltre, il dolore lombare è causato anche da una cattiva postura in bicicletta, da una configurazione inadeguata del sellino e del manubrio, da una taglia di bicicletta non adatta alla corporatura dell'atleta, da pedivelle estremamente lunghe, dall'uso di rapporti di trasmissione lunghi che causano alterazioni nella pedalata e da una posizione eretta che provoca la compressione dei dischi intervertebrali. Talvolta anche fattori genetici (come la disimmetria).

Cervicalgia

Un'altra delle lesioni più comuni nei ciclisti è la cervicalgia, che colpisce direttamente il collo del paziente, causando forti dolori. Di conseguenza, la diagnosi di un dolore cervicale può essere ottenuta da uno sforzo eccessivo e da un sovraccarico nella zona del collo che, in particolare, coinvolge i nervi, le vertebre e i muscoli della parte cervicale del corpo.

Nella maggior parte dei casi, il dolore cervicale è causato da una regolazione errata tra sella e manubrio, nonché da una postura scorretta del ciclista sulla bicicletta. Tuttavia, esistono anche altri fattori che influiscono sulla regione cervicale e causano questa lesione, come ad esempio: un'altezza della sella controindicata, una lunghezza del manubrio inadeguata, una distribuzione anomala del peso dovuta alla posizione avanzata della sella, ecc.

Il più venduto

4.65 / 5
5
16
4
3
3
0
2
1
1
0
Gandy Borgh
– 11/06/2024
Questi gambaletti comprimano bene i polpacci con un ritorno di stabilità durante la corsa. Quando fa caldo meglio abbassarli
Fabio
– 16/05/2024
Ottimo e abbondantemente
Rileppy
– 03/04/2024
Ottima compressione e tenuta sul polpaccio, non scivola nemmeno mentre si corre e cammina anche con la pelle umida.
Tronchetti83
– 04/03/2024
prodotto perfetto
Rossi Valerio
– 22/02/2024
Ottima qualità, molto utili
Aura
– 05/01/2024
Li ho presi perché in seguito a lunga inattività, ho iniziato a soffrire di suon splint. Hanno aiutato molto nel contenere il dolore e nella raggiunta di una pronta guarigione. Sono stretti il giusto e non scivolano da dove vengono messi
ALESSIO SCOTTO
– 04/01/2024
Ottima compressione Qualità prezzo top
Mattia Passarella
– 30/11/2023
Comode, buona elasticità, belle esteticamente
enrico
– 22/11/2023
Non sono eccessivamente contenitive ma danno il giusto supporto
Matteo Moretti
– 23/09/2023
Acquistati dopo un infortunio al polpaccio, li ho subito utilizzati il giorno stesso che sono arrivati. Perfetti, mantengono la compressione e fanno il loro dovere. Li consiglio

Quali sono i benefici delle calze a compressione e dei manicotti per polpacci per i ciclisti?

Quali sono i benefici delle calze a compressione e dei manicotti per polpacci per i ciclisti?

Per prevenire i vari infortuni che si verificano durante l'attività ciclistica, sono stati ideati indumenti a compressione che, oltre a garantire protezione, contribuiscono a migliorare le prestazioni se utilizzati con costanza. In particolare, calze, calzini e manicotti a compressione sono elementi che arrivano fino al ginocchio o all'anca per esercitare una forza controllata sulle gambe.

Molti ciclisti hanno scelto di utilizzare questo tipo di abbigliamento durante gli allenamenti e le gare per ottenere i seguenti vantaggi:

  • Ottimizzano l' ossigenazione muscolare.
  • Contribuiscono a regolare la circolazione sanguigna.
  • Migliorano le prestazioni del ciclista.
  • Riducono il dolore muscolare.
  • Riducono al minimo le vibrazioni dei muscoli del polpaccio durante la corsa.
  • Prevengono varie lesioni agli arti inferiori.
  • Accelerano i tempi di recupero.
  • Prevengono la perdita di calore nella zona.
  • Offrono un notevole comfort.
  • Riducono l 'accumulo di acido lattico.

Quali sono le caratteristiche da tenere in considerazione prima di scegliere i migliori manicotti a compressione per il ciclismo?

Poiché le calze a compressione non sono destinate solo ai ciclisti, è importante che gli atleti che si dedicano al ciclismo sappiano come scegliere le calze a compressione più adatte al loro sport. Per questo motivo, evidenziamo gli aspetti più rilevanti da tenere in considerazione al momento dell'acquisto di una calza a compressione, per ottenere il massimo in questa disciplina:

In base alla loro funzione

Le calze a compressione per ciclisti possono svolgere funzioni diverse a seconda delle condizioni o delle esigenze di ciascun atleta:

  • Favorire il ritorno venoso ed evitare problemi circolatori.
  • Liberare i muscoli da carichi eccessivi.
  • Aiutare il recupero dell'area.
  • Alleviare eventuali dolori o fastidi.

Materiale di produzione

È ideale utilizzare calze a compressione che traspirino senza accumulare sudore nella zona. Pertanto, è meglio acquistare quelle realizzate in nylon, poliestere o elastan. Si tratta di materiali sintetici che semplificano la traspirazione della zona. Non è consigliabile che abbiano cuciture.

Tipo di compressione

Oltre alla funzione e al materiale di fabbricazione, è importante valutare anche il tipo di compressione offerto dalla calza compressiva. La maggior parte delle marche presenta diversi gradi di supporto e questo è importante per ottenere i benefici desiderati. In generale, si consiglia una calza che eserciti una pressione compresa tra 15 e 30 mmHg.

Taglie

Assicuratevi di acquistare la taglia giusta, che sia S, M, L o XL. Tenete presente che una calza troppo piccola può causare lo strangolamento, il rallentamento o l'arresto del flusso sanguigno, mentre una calza troppo grande non comprime correttamente. Inoltre, non è ideale indossare un indumento di taglia unica.

Per sapere qual è la vostra taglia esatta, potete misurare la circonferenza del polpaccio o calcolare il rapporto tra altezza e peso, a seconda dei parametri indicati dal produttore.

Design

A seconda della lunghezza, il design della calza può variare per soddisfare uno scopo specifico, al fine di coprire la pelle fino a una certa altezza. Tra questi vi sono:

  • Calze che comprendono solo il piede e le maniche.
  • La calza corta (o manica al polpaccio) che va dalla caviglia a sotto il ginocchio.
  • La calza lunga che va da sopra il ginocchio a metà coscia.
  • Le maniche a compressione che vanno dai piedi alla vita.

Prezzo

In generale, i prezzi delle calze a compressione per ciclismo variano da 25 a 50 euro, a seconda della marca, del design e della funzione. Sebbene possano essere costose per alcuni atleti, non è opportuno utilizzare calze contraffatte o imitazioni. Queste ultime sono realizzate con materiali di scarsa qualità e quindi la loro efficacia può essere scarsa.

Le calze a compressione funzionano davvero per migliorare le prestazioni e il recupero dei ciclisti?

Le calze a compressione funzionano davvero per migliorare le prestazioni e il recupero dei ciclisti?

Sì, assolutamente. Questo tipo di indumento compressivo favorisce il flusso sanguigno, ovvero la quantità di sangue espulsa dal cuore nell'aorta al minuto. Inoltre, favorisce il recupero dei muscoli in tempi più brevi, in quanto aiuta a far arrivare più ossigeno.

Inoltre, hanno la capacità di evitare diversi infortuni comuni nel ciclismo, offrono comfort e sostegno muscolare, oltre a garantire una funzione termoregolatrice ideale per aumentare le prestazioni dell'atleta durante le competizioni su lunghe distanze e per periodi di tempo prolungati.

Pertanto, le calze sportive a compressione per ciclisti sono la migliore alternativa per aumentare le prestazioni sportive e, in caso di infortunio, è possibile ottenere una rapida guarigione con l'uso della terapia compressiva, il cui lavoro è efficace nel migliorare le componenti interne del piede e del polpaccio.

Elemento aggiunto al carrello.
0 items - 0,00